Cerca nel blog

venerdì 31 ottobre 2014

Mystical Fullmoon - Chthonian Theogon

#PER CHI AMA: Black/Avantgarde, Blut Aus Nord, Dimmu Borgir
A distanza di cinque anni dal non troppo fortunato, in termini di risonanza mediatica, 'Scoring a Liminal Phase', torna il trio milanese dei Mystical Fullmoon con un album nuovo di zecca e una storica label di supporto, la Beyond Production. Dieci le tracce a disposizione dei nostri per convincermi della bontà della loro musica, per cui un lustro è stato speso per la sua composizione. Sorvolando sull'intro, mi lancio all'ascolto di "An Outermost Resonance", prima vera traccia di 'Chthonian Theogony', song che palesa fin dalle sue prime note il rinnovato amore dei nostri verso il black sinfonico dei maestri norvegesi. Non dico nulla di nuovo fin qui, che già non avessi riscontrato nel precedente album. La song è una bella cavalcata sorretta da maestose tastiere e da un bel lavoro di chitarre, con alcuni passaggi psichedelici, il cui cadenzato ritmo litanico (al limite del doom), mi ha evocato Blut Aus Nord e Deathspell Omega. Se in passato avevo identificato in Emperor o Limbonic Art, le influenze più superficiali da attribuire al combo meneghino, per questo secondo lavoro devo rivedere le mie affermazioni e puntare sulla scena black francese come spunto per il nuovo corso dei Mystical Fullmoon. La song avanza marcescente e allucinata per larghi tratti, anche se nel finale, sono orchestrazioni di chiara scuola Dimmu Borgir, a dominare. "Reward for the Blind" evoca nuovamente la mefistofelica creatura di Vindsval e soci, almeno nelle linee di chitarra, fatto salvo per ringhiarci contro un riffing che sembra più orientato al thrash death. Il sound camaleontico dei Mystical Fullmoon non tarda a mutare, variando tempi, generi e spesso modo di suonare, mentre immutevole rimane lo screaming troppo nasale di Gnosis. Ascoltare questa song è come avere a che fare con quattro band differenti allo stesso tempo. Eccolo il carattere mutevole del terzetto formato da Heru, Gnosis e Arcanus Incubus, che torna a colpire col suo ibrido di black, death, noise ambient ("Stone of Splendour"), prog, suoni orchestrali e avantgarde, per un risultato a tratti fin troppo confondente. "A Red and Black Sacrament" è un esempio di una song che fatica a trovare una propria identità ben definita ed è un vero peccato; questo perchè la band cade spesso nella tentazione di voler infarcire i propri brani di tutto lo scibile musicale estremo possibile, suonando alla fine troppo pomposi e fuorvianti. Troppi sono i generi che si rincorrono nelle song: qui addirittura si passa dal black al death per finire a deliranti cori liturgici, per un risultato che alla fine spiazza non poco. Forse tutto questo rappresenta un pregio; non nascondo che molto spesso mi sono lamentato per la pochezza di idee espresse dalle band, qui soffro addirittura per la difficoltà a incanalare la dirompente verve creativa dell'act italico, in una direzione ben precisa. "The Reader and the Naked Scientist" è alla fine la traccia che preferisco dell'album, forse un po' più lineare, anche se un break psicotico arriva ben presto a destabilizzarmi. Le chitarre suonano più melo death oriented, anche se poi la ritmica dirompente black prende il sopravvento, ma per poco, visto che il finale della song ha un flusso cinematico (ricordate la colonna sonora di 'Inception', il film con Di Caprio?). "After the Coil" è una lunga e complessa song per lo più strumentale, ove fa la sua comparsa un sax, a dimostrazione dell'elevata e raffinata tecnica strumentale, cosi come pura la costante volontà di stupire sempre l'ascoltatore. Con "Aghori" perlustriamo i meandri profondi della musica fantasy, mentre l'ultima track del disco è affidata a "Dream Brother", quanto mai inattesa cover di Jeff Buckley. Ecco, se i Mystical Fullmoon volevano stupirci un'altra volta, devo ammettere che hanno colto nel segno al 100%, con un album che necessita di tantissimi ascolti per essere assimilato e digerito. Da due mesi, 'Chthonia Theogony' corre nel mio hi-fi e credo che necessiti ancora parecchio tempo affinchè possa allinearsi con la mia mente disagiata. Avanguardia spinta! (Francesco Scarci)

(Beyond Production - 2014)
Voto: 80

https://www.facebook.com/mysticalfullmoon

giovedì 30 ottobre 2014

Hadez - Morituri te Salutant

#FOR FANS OF: Black/Death Metal, Conqueror, Blasphemy, Archgoat
While it may not be the most familiar tags in the genre, Peruvian horde Hadez are one of the most professional at deploying what is the War Metal tag, which for all intents and purposes comprises bestial-sounding Black/Death Metal with a raw edge and a near-continuous assault of blastbeats throughout. That’s what is delivered throughout this one as we get that intense mixture of chunky, dynamic riffing that rages through plenty of varying patterns from Old-School Death Metal to a variety of blistering Black Metal touches throughout here which carries together quite well as the primordial, dripping-with-evil atmosphere of the former meshes with the harsh arrangements and intensity of the latter, allowing for a more traditional sounding approach to the two genres. It’s not until we get the intense blasting throughout this that it really adds to the War Metal moniker here with this likewise generating plenty of extremity here with this blowing through frantic, razor-wire hymns alongside the blasting drumming that really sells this quite well. Add in a touch of Doom for some slower, lurching patterns that’s quite indicative of Latin Extreme Metal in general which runs through here as well and this becomes a highly enjoyable piece to their catalog. Opener ‘Caligula’ is pretty much exactly what you’re going to get here anyway, with precise riffing, a devastating drum-bashing and plenty of savage leads that work up the energy and intensity levels incredibly well. ‘Forgotten God’ manages to showcase a little more of their Doom influences since it’s not full-throttle all the way through and slows it down a touch, but it still blasts along enough to serve as a highlight track. The title track is back to showing off those bestial, primordial rhythms and intense, blasting drumming while retaining the edge Latin extreme metal bands have in their guitar-work as the thick patterns are melded perfectly with the rampaging atmosphere, making for the album’s overall most explosive offering. This is carried over quite nicely into ‘Extrema Unción,’ which contains an excellent mixture of their primordial blasting with a few slower sprawling patterns thrown in along the way, making for another solid highlight. ‘Embrace the Wings of Death’ is the lone weakness among the tracks, dragging itself out far too long with meandering riffs and sluggish paces that shows the slower, sprawling efforts don’t mesh too well with the rest of the material and causes this to stick out somewhat. Raging speedster ‘It Could be Yourself’ gets itself back into blasting mode and reaps plenty of benefits from that with a tight, frantic effort that might not contain the brutality of earlier efforts but certainly has the speed down. ‘Death Terror’ likewise follows the urgent, blistering riff-work pattern as this one re-affirms the intensity of the riffing with a fine slew of battering blastbeats to whip through one raging, enjoyable effort. Finally, the Black Sabbath cover of ‘Symptom of the Universe’ works well with the bouncing tempo and sprawling tempos matching their original work while the intensity in the blastbeats adds quite well to the sluggish original and making for a fine way to end this one. Really, this one comes off quite well with a lot of really enjoyable qualities about it. (Don Anelli)

(Paragon Records - 2014)
Score: 80

https://www.facebook.com/HADEZPERU

mercoledì 29 ottobre 2014

Sverdkamp - Fraa Ryfylke

#PER CHI AMA: Black Viking Epic, Otyg, Tyr, Finntroll, Einherjer
Virile pagan viking black metal per l'album 'Fraa Ryfylke', debut autoprodotto composto da cinque brani per un totale di una ventina di minuti, di questi norvegesi Sverdkamp. La band si forma nel 2010 per mano dei due musicisti Nattsvart e Venomenon, che in questo primo mini suonano egregiamente tutti gli strumenti e si prestano degnamente anche al canto. "Til Strid" apre le danze violentemente e mostra l'attitudine guerriera dei nostri con cori barbari che ricordano i mitici Otyg, un'interpretazione molto teatrale, rude e crudele corredata da una struttura melodica e una ritmica devastante. Nel brano che segue si avverte la presenza del fantasma macabro e burlesco dei Finntroll, con la sua vena canora da taverna oscura, risate e cori osannanti un imminente attacco. Il rimando ai Tyr e ai loro momenti epici lo si può percepire in 'Hymne til Heimlandet', mentre il quarto brano si delinea per un inizio glorioso e incalzante, una cavalcata che sfocia in un black metal guerrafondaio, insano ed incestuoso con un rumorosissimo epic metal dall'ardore preso in prestito dai grandissimi Equilibrium. Per il gran finale, gli Sverdkamp si affidano ad un attacco frontale che condensa e consolida il sound underground della band, aggiungendo la saggezza del verbo pagano degli storici Menhir con la melodia e l'aggressione sonora da tipica band guerriera. Magari i nostri impavidi vichinghi non saranno innovativi e originali ma il loro angolo di personale rivisitazione del genere lo hanno trovato e la loro salda nicchia di estimatori non tarderà a venire se al full lenght ci arriveranno con questa verve tritatutto. Onore e gloria! Ottimo debutto. (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 75

https://www.facebook.com/Sverdkamp

Nomotion - Ritual Murders

#PER CHI AMA: Folk Rock/Gothic, Nick Cave, Gun Club
I Nomotion sono un quintetto nato sul finire dello scorso anno da un’idea di Jonny Bergman, Eros Piani e Lorenzo Della Rovere, ex membri di band quali Calle Della Morte e Grime, ai quali si sono affiancati presto i gemelli Andrea e Alessio De Colle. L’idea musicale dietro al progetto è quella di un folk-rock oscuro, profondamente americano nelle radici e mediato dall’immediatezza del punk, quasi gotico tanto nella musica quanto nelle tematiche trattate. Per questo loro EP d’esordio decidono di fare le cose davvero in grande, a partire dal tema hard-boiled che fa da sfondo all'intero lavoro, un concept sull’omicidio rituale, passando dal supporto scelto, una chiavetta usb in legno intagliato, alla splendida confezione cartonata e in edizione limitatissima (la mia copia è la 31 di 49, come scritto a mano sul retro). Al cospetto di cotanto contenitore, il rischio è che il contenuto non sia all’altezza, ma fortunatamente non è cosí, anzi. La chiavetta contiene infatti cinque brani autografi (presenti tanto in mp3 quanto in formato lossless), ognuno accompagnato da un video creato appositamente. Le canzoni si fanno apprezzare per il modo in cui coniugano immediatezza e drammaticità, azzeccando melodie scandite da chitarre elettriche e acustiche e un pianoforte che aggiunge solennità. I riferimenti piú immediati sono quelli che portano al primo Nick Cave post- 'Birthday Party', ai 16 Horsepower o i Gun Club meno blues e piú inebriati dal country di 'Miami'. Tanto che, in piú di un passaggio, c’è una certa vicinanza di atmosfere (anche per la voce del cantante) con 'I Knew Jeffrey Lee', il disco tributo che Il Circo Fantasma dedicó al compianto leader dei Gun Club. Ma il modo migliore per godere di questi pezzi, è “assaggiarli” in abbinamento con i video, creati utilizzando in maniera creativa e inquietante spezzoni di vecchi film horror o fantastici (sarebbe molto interessante conoscere i titoli delle pellicole), che esaltano al meglio la tematica malsana della musica dei Nomotion. Difficile citare qualche brano in particolare, ma è davvero difficile non rimanere stregati dal connubio lisergico musica-immagini di tracce quali “1000 Stiches”, o la magnetica e disturbante festa gore di “Love is Murder”, o ancora la visionarietà da inferno dantesco in acido di “Summer Rites”. Lavoro affascinante e per nulla banale, che si presta a diversi livelli di lettura e approfondimento. Di gran classe. (Mauro Catena)

domenica 26 ottobre 2014

Nova – [Passages] Framed by Nova

#PER CHI AMA: Electro Jazz, The Kilimanjaro Darkjazz Ensemble, Brian Eno
Terza compilation di estrema bellezza e sofisticata eleganza per il pirotecnico DJ, musicista, produttore, giornalista Massimo Terranova aka Nova. Di stanza a Londra, Nova trova l'humus adatto per questa raccolta di vari artisti di varie nazionalità, più o meno celebri che incredibilmente creano un mood sonoro tanto eterogeneo che nell'ascolto dell'intero lavoro si ha la costante impressione di essere davanti ad una lunga colonna sonora futurista ambientata in una moderna, tecnologica metropoli nebbiosa e autunnale, costellata di rimandi dub e drone ambientali di alta classe come se Ryuichi Sakamoto avesse fatto incetta di musica downtempo, cercando lo stile world dark music astratto, etnico, psichico e sacrale dei Dead Can Dance. Questo box di dodici brani uscito per Ultimae Records è un mantra straordinario di misticità fatta elettronica, dai tocchi minimali e intimisti, dai bassi profondi ed eterei, dalla vena sognante e cosparsi di lieve malinconia, ideali per paesaggi notturni, dedicati al viaggio introspettivo. Fasci di luce incantevole per una contemporanea ed originalissima miscela elettronica che trae ispirazione dai lavori di grandi maestri attuali e non. Quindi echi di Brian Eno, Robert Fripp, le compilation Buddha Bar, Tricky, Fever Ray, Autechre, Boards of Canada, The Kilimanjaro Darkjazz Ensemble, Fennesz e chi più ne ha, più ne metta. Tutto questo immaginando il tutto traumatizzato da una scarica Dub/Trip Hop/elettro jazz lodevole con un'ottima produzione ad alta fedeltà e una forza ipnotica impressionante. Rinchiusi in un lounge bar immaginario a riflettere sull'infinito circondati da tele dipinte in bianco e nero incorniciate dai mix di Nova. Un vero gioiellino da ascoltare rigorosamente in orario notturno! (gli artisti che compaiono con i loro brani nella compilation: James Murray, Fingers in the Noise, Cygna, Brando Lupi, Miktek, Murya, Martin Non Static, Lars Leonhard, Aes Dana, Connect.Ohm,Max Million, Zinovia). (Bob Stoner)

An Autumn For Crippled Children - Try not to Love Everything you Destroy

#PER CHI AMA: Shoegaze, Post Punk
A distanza di quasi un anno da 'Try Not To Destroy Everything You Love', tornano gli olandesi An Autumn For Crippled Children, con un EP di due pezzi puramente digitale che richiama (e rivolta) il titolo del precedente album. Dicevamo di due song, che si aprono con la title track, che conducono inevitabilmente al lavoro dello scorso novembre. Se avete pertanto amato la band nel nuovo corso post-punk shoegaze, continuerete ad apprezzarla anche in questo concentrato ristrettissimo di sonorità eteree, in cui solo il rancido ed efferato screaming, mantiene una sorta di legame con gli esordi più burrascosi dell'act orange. Largo spazio dunque a synth e in secondo piano a ronzanti chitarre che tessono linee dotate di una malinconia disarmante. "Post War", sebbene un violentissimo incipit, a cura di chitarre iper vitaminizzate, è poesia desolante allo stato puro che solamente chi è avezzo a tali sonorità, potrà percepire e godere; gli altri vi sentiranno infatti solo il frastuono di zanzarose ritmiche serrate, in cui i synth alla fine assumono un ruolo assai invasivo nell'economia del brano. In attesa di un ritorno sulla scena, dotato di maggior carisma e personalità da parte dei nostri, godiamoci questo dolcetto del trio di Friesland. (Francesco Scarci)

Spätregen - Schattenwandler

#PER CHI AMA: Black Symph, Angizia
Solo tre pezzi (di cui un intro) per valutare i teutonici Spätregen. La one man band di Esslingen am Neckar, ci offre solo un assaggio della propria musica con la title track, un black sinfonico dai contorni cinematici. Si perché "Schattenwandler" gode infatti di ottime orchestrazioni che supportano un sound che, diciamoci la verità, di black metal ha ben poco, se non lo screaming un po' tagliente di Kumras, il factotum che si cela dietro a questo monicker. Per il resto ho trovato certi punti di contatto con gli austriaci Angizia, che erano soliti infarcire le loro composizioni con massicce dosi di musica classica. Ampio spazio quindi a synth, magniloquenti orchestrazioni e buone melodie. Tutto questo descrive in estrema sintesi questo maxi single, che vede la conclusiva "Epilog" come traccia di chiusura, più vicina a una colonna sonora cinematografica piuttosto che a musica ambient. Avete presente 'Lyckantropen Themes' o 'Svidd Neger' degli Ulver, ecco la proposta di Kumras ci va molto vicino. Troppo poco però un paio di pezzi, peraltro estremamente cosi diversi tra loro, per valutare approfonditamente la proposta del mastermind tedesco. Comunque, se queste sono le premesse, credo che, se ben supportato da un batterista in carne e ossa (e da un artwork più accattivante e meno primitivo), ne potremo sentire delle belle in futuro. (Francesco Scarci)

The Unchaining - Ruins at Dusk

#PER CHI AMA: Black Metal atmosferico
Il secondo album della one man band friulana The Unchaining intitolato 'Ruins at Dusk' e licenziato via Behemoth Records, si adagia sulle tetre ali del black metal più misantropo ed isolazionista, proprio là dove Burzum e Centuries of Deception decantano le loro lodi, tra lande desolate, boschi e montagne innevate. Il nostro oscuro bardo esalta nell'artwork l'essenza vitale emanata dalla visione delle Dolomiti, mitiche e irraggiungibili in quanto a bellezza e si circonda di solitudine, suonando brani ossessivi e laceranti, a volte influenzati da sonorità più doom a volte tipicamente pagan occult black metal. La costruzione riflette i canoni del genere ed il verbo si arricchisce di personalità solo se valutiamo il lato espressivo della musica, poichè il limite tecnico-compositivo è evidente, anche se non pregiudica del tutto il risultato finale. Quello che lascia a volte sconcertante è l'uso di una presunta drum machine calibrata male con dei suoni nefasti che tentano di imitare i maestri ma con uno scarso approccio sonoro. Belle le intromissioni e le aperture sul versante più ambient e folk mentre l'interpretazione vocale, seppur monotona, dona un'ottima aura mistica, macabra ed ipnotica a tutti i brani. Sette tracce per circa un'ora di difficile e drammatico black metal, che farebbe del suo isolazionismo l'arma perfetta ma che in realtà deve essere ancora sviluppata e lavorata in maniera più ricercata e sofisticata. Tutto è troppo incerto e non basta essere forzatamente lo-fi per trasmettere emozioni profonde e introspettive, bisogna levigare le spigolature, lavorare sulle strutture, sui dettagli e i particolari per creare qualcosa di unico e magico, magari aggiungendo strumentazione e suoni all'altezza. L'atmosfera c'è e soddisfa molto, il lato musicale tra alti e bassi viene rimandato ai lavori futuri (da ascoltare 'Fornost Erain', uscito nel giugno 2014 via bandcamp - theunchaining.bandcamp.com/album/fornost-erain). Un gioiellino incompleto. (Bob Stoner)

giovedì 23 ottobre 2014

Ëdïëh - In Case the Winds Blow...

#PER CHI AMA: Death Doom atmosferico, primi Tiamat
La scena cinese sta crescendo a vista d'occhio e merito va senza dubbio anche alla Pest Productions, che sta sdoganando un sacco di band dell'underground locale per darle in pasto ad un pubblico più internazionale. La politica dell'etichetta di Nanchang, prevede anche la riscoperta e promozione di album usciti solo per il mercato cinese: questo è il caso di 'In Case the Winds Blow...'. Uscito nel 2012 per la Sparrow Cross, vede una luce più luminosa l'anno seguente con l'intervento della P.P.; la one man band di Pechino, guidata da Mr. T, sembra essere assai prolifica con ben nove album dal 2008 a oggi, con questo che andiamo ad ascoltare, essere il penultimo. Si tratta di un 3-track dal forte sapore death doom contaminato da qualche venatura folk. Tralasciando la minimal intro, mi siedo ad ascoltare nel buio della mia stanzetta, "The Pain is Seamless", 12 minuti di sonorità death doom sulla scia delle produzioni Solitude Productions. Suoni deprimenti, growling vocals, melodie malinconiche, atmosfere decadenti, in cui il mastermind T sembra seguire tutte le tendenze dettate dalla scena est europea, con Russia e Ucraina in testa. Di nuovo niente all'orizzonte quindi? In parte è cosi, fortunatamente tra un lamento e l'altro, il musicista dagli occhi a mandorla, ci piazza dentro un qualche bell'assolo, non certo di elevato tasso tecnico, ma che sicuramente ha una buona presa sull'ascoltatore, portandomi a rivalutare notevolmente il risultato conclusivo. Mr. T si aiuta anche utilizzando qualche bell'arpeggio bucolico e qualche passaggio ambient, come nella parte conclusiva della traccia. "I See My Shadow Amongst the Leaves" è il secondo e ultimo brano del disco, un'arrampicata di ben 23 minuti che si apre con eteree melodie dal sapore orientale. Mentalmente mi sembra di camminare nei boschi delle foreste cinesi, con la pioggia che cade, mentre in lontananza percepisco il fragore dei tuoni. Ancora doom, ma dotato di una cinetica più rock progressive che offre delicate linee di chitarra e ha il suo punto di contatto col genere estremo solo per i vocalizzi profondi del frontman. La song scorre lentamente come il tortuoso cammino del fiume Yangtze, toccando il suo punto massimo d'espressione nei suoi conclusivi nove minuti in cui l'ambient si miscela cinematicamente con sonorità sognanti che mi hanno richiamato "Gaia" dei Tiamat e di conseguenza i Pink Floyd. Non chiedetemi le ragioni di queste mie affermazioni, voi fidatevi e basta: questi ultimi minuti li ho ascoltati e riascoltati all'infinito e il risultato è sempre stato il medesimo, quello di produrmi una spettacolare pelle d'oca. Se solo Mr. T si fosse dedicato a song un po' più brevi e meno ridondanti, forse oggi starei scrivendo di un piccolo capolavoro. Tagliare per favore in futuro per rendere più fruibile una melodia a dir poco spettacolare è il primo consiglio che mi sento di dare alla band e visto che di estremo qui rimane ben poco, il suggerimento seguente è quello di modulareci vocalizzi, prendendo ad esempio proprio i Tiamat di 'Wildhoney'. Validi e da seguire. (Francesco Scarci)

martedì 21 ottobre 2014

Sarkast - Komakollektiv

#PER CHI AMA: Crust, Punk
Sporco, diretto e veloce. Così si può sintetizzare 'Komakollektiv' dei teutonici Sarkast. Una corrosiva opera di venti minuti che, già dall'artwork, lascia ben poco spazio all'immaginazione, un ritorno verso la fine degli anni '80, una dedica alla rabbia, una - giustamente - velata non curanza della produzione (anche se una grancassa con meno punta sarebbe stata nettamente più piacevole). Perchè alla fine ciò che conta è il messaggio e questo arriva chiaro e conciso già dalle prime note di "Kreislauf", quando si è investiti da una impalpabile raffica cenerea, distorsioni taglienti e ruvide vibrazioni. Il songwriting ad ogni modo non è portato ai minimi termini e si trovano dei piacevoli ma sporadici rallentamenti e dei pattern di batteria dinamici grazie all'uso del doppio pedale e blast-beat, la cui sintesi la si può ascoltare e gustare nella centrale "Farbenleere"o nell'ultima "Ohne Abschied", tracce a mio parere da considerarsi le migliori del platter, in quanto vincono con una basilare originalità. Tratti melodici, seppur infimi e di dubbio carattere, vengono sfiorati solamente in un paio di tracce, andando a ravvivare le composizioni là ove potrebbere arenarsi nelle classiche ritmiche del genere. Il lavoro nel complesso è onesto e poco pretenzioso, piacerà certamente ai cultori dell'old school nonostante qualche "influenza" moderna, come le ritmiche serrate spesso in combinazione con il sopraccitato doppio pedale o le sporadiche dissonanze. Incazzati! (Kent)

Dreams - 3Am

#PER CHI AMA: Shoegaze, Amesoeurs, Lifelover.
La risposta americana agli Alcest? Se qualcuno la cercasse, sarà solo in parte accontentato dall'EP della one man band statunitense dei Dreams. '3Am' è il lavoro di Morbid (già noto per un'altra band del roster Pest Productions, i blacksters Happy Days), la mente che si cela dietro questo progetto e che ci rifila sei song all'insegna dello shoegaze nella sua accezione però più primordiale. Lasciate quindi perdere Alcest e compagnia e focalizzate le vostre menti piuttosto sui My Bloody Valentine e forse avrete una più chiara idea di cosa propongono i nostri. Dicevamo sei tracce che partono con "Parallel Anxiety" che mette immediatamente in luce le sonorità post punk del mastermind americano. "Delta Wave Overload" sembra una song uscita da uno dei primi lavori dei The Cure, almeno fino a quando le chitarre un po' più pesantucce di Mr. M. prendono il sopravvento. L'approccio è comunque quello tipico del sound anni '80-90, con song dalle brevi durate, atmosfere eteree, suoni malinconici e vocals che potrebbero ricordarvi quelle pulitissime degli Alcest (anche loro hanno tuttavia scopiazzato dalle grandi realtà dei tempi d'oro), con Morbid accompagnato da una gentil donzella, tale Michelle Nighshade. Il disco scivola piacevolmente verso la sua breve conclusione (22 soli minuti), passando attraverso la discreta "Abduct Me", la lunga (5 minuti) "Sleepless Lullabies", e le conclusive "Swallowing Conciousness" e "3Am", pezzi che, a dire il vero, si assomigliano un po' tutti, per melodia e architettura. Però chi conosce lo shoegaze, sa perfettamente che la musica riflette questi canoni e pertanto sa già a cosa va incontro. '3Am' è un album onesto che non ha nulla da chiedere, se non un vostro gentile ascolto. (Francesco Scarci)

(Pest Productions - 2014)
Voto: 65

https://pestproductions.bandcamp.com/album/3am

domenica 19 ottobre 2014

The Bastard Sons - Roads

#PER CHI AMA: Hard Rock Blues
No, non sto per scrivere una recensione sulla band italiana omettendo la divinità greca che ne completa il nome, quindi mettete pure giù i forconi e le torce perché non ho perso il senno. Questi cinque bastardi provengono dalla vecchia York (Inghilterra) e si sono formati nel 2011. 'Roads' è il loro secondo EP ed pieno zeppo di suoni al limite hard rock e metal. Un mix che sapientemente dosato può dare ottimi risultati, quindi immaginate la mia frenesia nell'accendere il fido impianto Hi-fi e aspettare i primi giri del cd. "O' Brothel where Art Thou" apre l'EP con tutta la birra che la band ha in canna, quindi ritmica veloce e riff grossi, ma con la classica equalizzazione che fa l'occhiolino al popolo hard rock sparso nel mondo. Assoli old stile e doppio pedale nei punti giusti aiutano il brano a stare sempre in alto, senza incappare in cali di tensione che permettono all'ascoltatore di cambiare traccia o andare al bancone a prendesi la sesta o settima birra. Il vocalist è aggressivo, non ha un'estensione vocale degna di nota, ma punta tutto sul timbro graffiante, a volte un pelo troppo strozzato. "Sobre la Muerte" è il brano più riuscito, ritmica meno veloce, ma tanta botta e headbanging spinto a più non posso. Gli arrangiamenti sono stati fatti ad arte, alternando momenti più distesi che poi permettono di apprezzare al meglio l'accelerazione. Gran musicisti i The Bastard Sons, dove gli axemen trascinano la composizione dei brani, ma drummer e bassista non sono da meno. La ritmica è in continua evoluzione durante tutti i brani, sempre pulita e precisa, feeling non sempre facile da trovare. In generale i suoni sono abbastanza moderni, non ripudiando però la vecchia scuola che tanto ha insegnato negli ultimi vent'anni. Peccato per "Season End" che poteva essere sviluppata maggiormente, invece che essere tagliata a poco più di un minuto di durata. Batteria e voce carichi di effetti creano grande atmosfera, un fertile terreno per le tastiere che dominano e puntano sul fattore emotivo di chi si immerge nell'ascolto. Se la band l'avesse sviluppata maggiormente con un attacco di quelli che fanno tremare i muri, probabilmente avremmo avuto la traccia perfetta. Gli inglesi ci sanno comunque fare e questo EP non lascia dubbi, inoltre fa ben sperare nel fatto che non siano ottusamente chiusi nel genere, ma si possano aprire ad altre influenze, abbracciando vecchio e nuovo. Dai ragazzi, fatto l'EP ora datevi da fare con un vero e proprio album. (Michele Montanari)

Storm Breeder - The Knave

#FOR FANS OF: Progressive/Thrash Metal, Vektor, Abysmalia
When thinking of the term ‘One-Man Band,’ it is quite rarely used to describe Thrash acts so Australia’s Storm Breeder are in very rarified air on this debut. The most apparent factor on the album is Ben Petch’s obviously skilled guitar playing on here which is the main highlight to many of these songs as the skill-set featured here is quite varied and dynamic with just about all the main songs here ranging over seven minutes, one clocking in at nine and only one at five minutes so there’s a lot of material to get through here. The progressive influences come from the incredibly varied tempo changes and dynamics that occur throughout most of the tracks here given that their extended running time allows for such experimentation and variety to happen, while also utilizing the more renown part of Progressive Metal of incorporating the chugging guitar rhythms for its main weapon of attack here which is at times fitting to the music, while others are such radical departures that they cause the music, however well-written and composed they are to stick out quite readily throughout. Despite the length being a big factor here, the music does have a tendency to remain far-too low-key and down-tempo when it really should be a lot faster so the plodding energy can have a lowered effect on the music as a whole here when it really fails to muster any kind of energy for the music on hand. Still, the majority of the tracks here being quite good does make-up for those flaws. The title track immediately sets things in motion with a slew of proficiently arranged rhythms, challenging drum-beats and various tempo changes that showcase the talent on hand while giving off a clear view of what’s to come. A huge misstep after that fine opener, ‘Blood Stained Crown’ nearly eschews thrashing paces for simple riffs, melodic dirges and an energy level that rivals your average ballad for its extended running time, barely keeping the interest in there. The massive epic ‘Scarlet Shade of Death’ is little better with a slew of light, melodic guitars, female vocals and simple riffs throughout a near-ten minute romp that occasionally features a few harder segments but really keeps the lighter sections in play until the finale when it really thrashes away with abandon to save it, but it’s still barely eight minutes into this. Thankfully, ‘March of the Damage Men’ gets back into the energetic riffing with plenty of up-tempo patterns, technically-complex arrangements and plenty of melody while still keeping this going along nicely which makes for a more enjoyable track overall. ‘Mechanised Extermination’ opts for more industrial influences in terms of cyber-sounding keyboards and pounding drumming alongside tight, marching guitars for another rather enjoyable track here. Offering a bit of a further departure from the norm, ‘Demoniacal’ offers the kind of plodding pace, lush keyboard histrionics and melancholic vibe that recalls Gothic Metal at times, a strange choice on a straight-up Thrash record and does have a love/hate relationship to it: it’s a good song as it’s written but just seems like such a left-handed turn from the rest of the material it doesn’t mesh well with anything else. The instrumental ‘A Cold Day in Hell’ serves well as a fine break in the action with its lighter pace and plodding rhythms keeping this short and to the point. Starting off with a bang, ‘Revelation’ carries the better elements in here along with quite a few rather engaging segments that switches things up nicely and ends this on a positive note. Overall, this one isn’t that bad and has some rather decent moments to make for a rather engaging if flawed listen. (Don Anelli)

(Paragon Records - 2013)
Score: 70

https://myspace.com/stormbreeder

sabato 18 ottobre 2014

Necroart - Lamma Sabactani

#PER CHI AMA: Black/Dark/Doom, Rotting Christ, Sadness, primi Anathema
A cadenza quasi di un lustro da ogni uscita (2005, 2010 e ora 2014), tornano i Necroart, che ben avevano figurato sulle pagine del Pozzo dei Dannati all'epoca della precedente release, 'The Sucidal Elite'. Quattro anni se ne sono andati: mentre io ho perso qualche capello in più e ho messo su un po' di pancetta, il sestetto pavese sembra essere in ottima forma e non risentire dei segni del tempo. 'Lamma Sabactani' è un altro album all'insegna dell'oscurità più profonda che ancora una volta miscela black, death e doom, non dimenticandosi anche di piazzare qualche sonorità etnica. Già infatti nella title track, posta stranamente in apertura, si sentono arabeschi richiami di atavica memoria "moonspelliana". I nostri avviano poi i motori e si lanciano nella loro personale descrizione dei demoni che albergano la loro anima intrisa di morte. Il sound delle chitarre è sporco cosi come l'intera produzione di questo nuovo lavoro, le cui ritmiche potrebbero essere tranquillamente definibili rock dalle tinte progressive. Se non fosse inftti per alcune sfuriate estreme e per l'utilizzo rutilante del drumming, o le vocals che si dimenano tra lo scream, il growl e il narrato, questo disco potrebbe essere etichettato in altro modo. L'atmosfera caliginosa è comunque l'elemento portante di questa release e si conferma in tutte le tracce assai decadente, non nel senso più ruffiano che talune volte acquisisce questo termine, ma le song sono tutte assai tetre e asfissianti nella loro vestigia e i richiami musicali col passato si spingono ai primi Rotting Christ, ai Sadness di 'Ames de Marbre', agli Anathema di 'Pentecost III' (ascoltate "The Demiurge" per capire anche l'utilizzo delle vocals, cosi come fatto da Darren White all'epoca), ma anche addirittura a King Diamond, almeno a livello di ambientazioni (penso ad "Agnus Dei", traccia da cui è stato estratto anche un videoclip). In qualche traccia (la già citata "The Demiurge" e "Redemption", una specie di ballad dai toni foschi e pacati) fa anche la comparsa una eterea voce femminile, che appartiene a Gaia Fior del Coro dell'Arena della mia Verona, che già aveva collaborato in passato con i nostri. La seconda parte del disco, già a partire da "Redemption", sembra muoversi su sonorità più rilassate: "Stabat Mater" sembra suonata all'interno di una chiesa per l'effetto magniloquente dato dalle sue tastiere, dall'impronta liturgica data al suo incedere e dalla performance in stile preghiera dei due vocalist. Le conferme di un approccio più blando, arrivano anche dalla spettrale "Of Ghouls Maggots and Werewolves" e dalla conclusiva malata "Cyanide and Mephisto", un sensuale e sessuale outro che chiude brillantemente 'Lamma Sabactani'. Speriamo ora di non dover attendere un altro quinquiennio prima di avere buone nuove dai Necroart, non vorrei immaginarmi con un neonato in braccio a recensire il prossimo album. (Francesco Scarci)

(Beyond Production - 2014)
Voto: 75

http://www.necroart.net/

Huldra - Black Tides

#PER CHI AMA: Post Metal, Isis, Neurosis
Mi accingo a recensire con gioia ed entusiasmo il quarto lavoro degli Huldra. Ormai, ogni qualvolta la band statunitense se ne esce con qualcosa di nuovo, io sono sempre li, in pole position per scoprire cosa bolle in pentola in quel di Salt Lake City, per capire se i nostri saranno in grado o no di superare i maestri di sempre. E ogni volta devo ammettere che i nostri sfiorano l’impresa nel raggiungere i gods della East o della West coast. Non che abbia già sancito che questo nuovo ‘Black Tides’ non sia all’altezza, anzi ora andiamo giusto a scoprirlo meglio. Si parte con “The Eye of the Storm”, titolo di reminiscenza “neurosiana”, dotata anche di una certa alchimia sonora che richiama inevitabilmente la band di Oakland. Le linee di chitarra si rivelano infatti distorte quanto basta per non guastarne il risultato finale, i suoni tesi e oscuri, le vocals di Matt abrasive come sempre. Solo a metà brano, trovano spazio quelle atmosfere eleganti che strizzano l’occhiolino al post-rock, che già i nostri avevano acuito nel precedente album. Non male, ma dagli Huldra le mie aspettative sono ormai molto alte. Con la title track, le cose sembrano prendere una piega diversa, migliorandone notevolmente l’esito conclusivo. A fronte di un incipit all’insegna dell’ambient, la song scorre tra chitarre in tremolo picking e rabbiosi vocalizzi. Altri dodici minuti che scorrono via rapidi e decisi, alternando sonorità caleidoscopiche che si muovono tra chiari e scuri, in cui vorrei rilevare una forte componente malinconica e un bellissimo finale corale, che ci introduce a “The Sky Split Wide Open”, in realtà semplice interludio che fa da apripista ai quindici minuti di “From Out of the Maelstrom”. Il brano apre con il tamburellare leggero di Chris Garrido dietro le pelli, e una chitarra tenue e gentile che funge da sottofondo. L’eco degli Isis in questo pezzo è assai forte, ma ancor di più l’elemento post-rock dai tratti sognanti, che per più di sette minuti ci accompagna e delizia con le sue raffinate suggestioni strumentali, prima di lasciare il posto alle ondeggianti ritmiche che vedono l’intervento di un synth fine e non invasivo a livello di arrangiamenti e l’utilizzo di qualche clean vocals. A chiudere sulle ali dell'entusiamo il disco, ci pensano i quasi 17 minuti dell’infinita (anche nel titolo) “He Was Compelled To Turn Westward Out of Some Misplaced Sense of Hope”, in cui tutte le influenze del sound degli Huldra affiorano in contemporanea. Isis, Neurosis e Cult of Luna (e forse qualche sentore di The Ocean) si ritrovano infatti nei solchi di questa lunga e ben strutturata song, che viaggia lungo i binari del post-metal desolante, graffiandoci e cullandoci con i suoi suoni marziali, educati, vagheggianti e ipnotici, in cui trova posto anche lo splendido suono di un violino. Ottimo il songwriting, da elogiare la band a livello tecnico, l’unico appunto che forse mi sento di fare in questo nuovo ‘Black Tides’, è che rispetto a ‘Monuments Monolith’, la progressione musicale, nel senso d’innovazione della proposta, è quasi impercettibile. Certo che per chi è un fan della band dell’Utah, poco importa, solo che l’impressione è che questo nuovo lavoro sia una sorta di ottime, e sottolineo ottime, B-sides del vecchio cd. In definitiva, ’Black Tides’ è un gran bell’album, ma mezzo voto in meno rispetto al passato è, per diritto di cronaca, dovuto. Comunque sia, ben tornati amici! (Francesco Scarci)

Grift - Fyra Elegier

#PER CHI AMA: Black, Kampfar
La Nordvis, deliziosa etichetta madre di questa release, ultimamente sta dando alla luce molte interessanti proposte, sempre molto discrete e coinvolgenti, e i Grift sono una di queste. Provenienti dalla fredda Svezia, terra di una sempre più proliferante scena Black Metal vissuto con estrema dedizione, sono attivi dal 2011 ma questo loro EP di debutto è uscito solo nel 2013. 'Fyra Elegier' pare sia stato ben accolto dall’opinione generale di chi come me, cerca e studia l’evolversi del sottobosco scandinavo, ma è e rimane un prodotto di nicchia, con una bassa tiratura di uscite in formato vinile, cd e audiocassetta. i Grift sono uno dei molti gruppi svedesi che stanno delineando il profilo di una seconda e credibilissima genesi di blacksters purosangue. Questo genere che io oserei definire “nuovo”, è in realtà ciò che era sempre stato il Black Metal prima della sua rovina, ossia austerità, introspezione, misantropia e profonda chiusura nei confronti di un mondo che guarda ad un futuro sempre più dannatamente falso e miserabile. Questo 'Fyra Elegier' che tradotto significa “quattro elegie” è composto da quattro canzoni che non stravolgeranno il mondo, ne si auto-proclameranno come virtuosi capolavori dell’anno perché questo “nuovo” modo di sentire e vivere il Black Metal finalmente è disinteressato e se ne sbatte le palle dei media, è pulito e vivo, ha un anima e non necessita di strafare per attirare l’attenzione dei metallari da cheeseburger che se ne stanno su youtube più annoiati dei loro stessi brufoli, né lecca il sedere alle etichette più progressiste e orientate a nuove tendenze shoegaze, nella speranza di farsi preconfezionare un bell’artwork a triangoli e farsi sbattere sul mercato come nuova rivelazione del momento. In questi 24 minuti regnano la quiete e l’armonia, a dispetto della violenza cieca e della brutalità estrema che troppo spesso è fumo negli occhi a nascondere fragilità e povertà di idee all’ascoltatore. Qui si ascolta musica dedicata alla pace eterna, fredda, profonda, una pace che solo la morte sa e può dare, scaturita dall’apertura di un intro di tristi violini che dondolanti, paiono uscire da un grammofono. Successivamente la notte discende su tutto con un cielo costellato di riff generosamente melodici, appoggiati su una batteria che come un cavallo stanco, trotta rovinosamente verso i meandri dell’oscurità assieme al suo condottiero che proclama le ultime memorie. I Grift possiedono un lato malinconico che definisce i tratti della loro musica, ma sono molto lontani dal depressive black, sono più simili ai vecchi Kampfar e ne condividono lo stesso scarno minimalismo, la stessa essenzialità che però in questo caso non è volta a raccontare storie di mitologia nordica, né ha la medesima attitudine nazionalista; qui la cosa che si sente di più, non è l’amore per la propria terra, per la propria storia passata, ma l’amore per la morte, e la rabbia verso la superficialità con cui l’uomo volge ad essa. Mi raccomando, prima di cadere nel più antico e immemorabile silenzio, nella pace ultima, prima che sopraggiunga la fine di ogni cosa… ricordatevi di ascoltate 'Fyra Elegier'. (Alessio Skogen Algiz)

(Nordvis Produktion - 2013)
Voto: 80

https://www.facebook.com/Griftofficial

venerdì 17 ottobre 2014

Tartharia – Flashback (X Years in Hell)

#PER CHI AMA: Black/Death/Thrash
Eccoci al cospetto di una di quelle band “storiche” per quanto riguarda il movimento underground metal: perché storiche? Beh, essenzialmente per due motivi: il primo riguarda gli anni di militanza del gruppo, che arriva al traguardo del decennale di carriera dando alle stampe questa sorta di “best of”. Raggiungere i dieci anni di carriera per una band sono già un ottimo traguardo di per sé, ma se si suona metal estremo e non si hanno a disposizione i dobloni elargiti dalle major, il valore dell'anniversario aumenta notevolmente. Il secondo motivo riguarda invece un merito che va oltre la longevità di servizio; in questi primi 10 anni, i membri dei Tartharia si sono alternati con una frequenza simile a quella che vede (vedeva?) impegnato Lemmy accendersi Marlboro durante la giornata (per chi non conoscesse i ritmi del Kilmister, posso assicurare che la frequenza è altissima). Non saprei quantificare quanti membri infatti hanno fatto parte della band, comunque molto prolifica con la produzione di album, risultando essere più un ensemble che una band nell'accezione più tradizionale del termine. Originari della Russia, più precisamente di San Pietroburgo, come accennavo, il gruppo ha prodotto diversi lavori, giungendo a questo progetto con un portfolio dal quale pescare, di notevoli dimensioni. Gli anni di esperienza e le diverse personalità operanti nel gruppo hanno portato ad avere, soprattutto, una miriade di “stili” toccati dal sound della band, che partita nel 2002 con influenze chiarissime al melodic Black (Dimmu Borgir, Cradle Of Filth), in seguito, passa al Death/Thrash, al Melodeath fino al metalcore...la cosa chiara è che le idee comunque non erano e non sono proprio limpidissime. Un elegantissimo jewel case ospita il curato libretto, che riporta le note biografiche e le diverse copertine degli album dai quali vengono estrapolate le canzoni che compongono questa compilation; la differenza temporale delle pubblicazioni la fa da padrona in questo CD, che definire “vario” sembra quasi riduttivo, ma tutto sommato non fa affatto sfigurare le primissime canzoni del 2003, che possono godere di una produzione di buonissimo livello. In generale, il disco usufruisce di suoni ottimi, mai troppo freddi, che aggiungono piacere all'ascolto; la cosa che maggiormente si nota, è l'eterogeneità delle composizioni, che vanno a parare un po' da tutte le parti, ma in fondo in fondo senza mai troppa convinzione. Risulta essere questo il maggiore difetto del CD, che per il resto (l'aspetto meramente tecnico e formale) è davvero composto e suonato bene; certo, direte voi, è una compilation cosa ti aspettavi? Da un certo punto di vista, un disco del genere ti fa comprendere il percorso evolutivo della band, la maturazione ecc., dall'altro invece, ti lascia interdetto dinnanzi a così tanta “indecisione” sulla strada da intraprendere. Ad ogni canzone, sembra di essere di fronte ad un gruppo diverso da quello che ha composto e suonato la precedente e quello che ha composto e suonerà la successiva; di fatto, con il continuo alternarsi di elementi, non potevo trovare paragone migliore. Va bene un po' di evoluzione nel corso degli anni, ma così è davvero troppo, perchè il rischio di creare una miscellanea di suoni e note fini a se stesse è molto concreto. La questione è solo mettere a fuoco un po' meglio il bersaglio da colpire. Vi segnalo quelle che per me risultano essere le migliori tracks del lotto: la scurissima “Erotic Mutations” e le notevoli “Rape You Alive” e “Unfear”; il fatto di essere sulla scena da così tanti anni ed essere ancora in piedi, fa guadagnare al voto ½ punto. Per il resto aspetto volentierissimo il gruppo alla prossima release (si parla di 14 Novembre 2014), che sarà un CD con pezzi nuovi fiammanti; come si diceva una volta “rimandàti a Settembre!”...ops, scusate...”rimandàti a Novembre”!!!! (Claudio Catena)

giovedì 16 ottobre 2014

Antethic - Origin

#PER CHI AMA: Post Rock/Ambient/Drone
Prima di leggere il titolo del brano, picchetto col piede un ritmo incalzante. Aspetto un tempo indefinito affinché i suoni trasducano in musica. Ma mi sembra che la mia attesa possa propagare i propri tempi all'infinito. "Time Forward" è un buon preludio ritmico, ma asettico. Non rimane che aspettare che passino questi sette minuti tra un rumore ed una ripetizione dai timbri noiosi. Unghie che graffiano pavimenti invisibili, che lasciano tracce organiche sui ciotoli di questa "Cheliuskin". Avanti due passi. Indietro tre passi. Sensazione confermata e riconfermata da queste sonoritá degne di un horror a basso costo. "Old Maui Girls". Distorsioni elettroniche graffiano una melodia mielosa, compenetrandola. Non sono certa che vi piacerá convertire il black ambient in un catrame travestito da tinnuoli ripetuti sino alla nausea. A sorpresa, quando avevo abbandonato le speranze di ascoltare, soggiacendo al subire quest'album, parte "This Game Has No Name". Finalmemte si respira. Le ripetizioni sono ormai una certezza, ma cambiano i suoni, le pause, i sofismi distorti e troppo artefatti, in favore di un pezzo che fa lievitare sensazioni e piacere in un ascolto psichicamente accattivante. Incredibile! La seconda parte dell'album, sembra scindersi dalla prima. "Morning Glory". Ora è ascendente il suono. La corrente dei rumori confusi, è controbilanciata da musica vitale appieno, meno distorta, tecnicamente strumentale. Concludo l'ascolto di quest'album con "White Whale", che definire ghiaccio bollente, sarebbe il piú riduttivo tra gli ossimori. Vi lascio con qualche immagine. Ferro che batte su ferro. Ghiaccio che s'infrange su ghiaccio. Correte veloci a perdifiato lungo una strada che non porta a nulla, se non all'inizio del labirinto della vostra coscienza. Ecco fatto. Avete tra le mani 'Origin'. (Silvia Comencini)

(Self - 2014)
Voto: 65

https://www.facebook.com/Antethic

mercoledì 15 ottobre 2014

Dead Mountain Mouth - Viae

#PER CHI AMA: Avantgarde, Post, Arcturus, Devin Townsend
Torna la one man band francese dei Dead Mountain Mouth, che non solo avevamo conosciuto con il precedente album, 'Crystalline', ma anche con un altro progetto parallelo, quello dei A Very Old Ghost Behind the Farm. Il polistrumentista di Tolosa, Lundi Galilao, torna questa volta con un EP, ahimè in sola uscita digitale, di tre lunghi pezzi che confermano il sound vertiginoso del mastermind transalpino. Le danze si aprono con "Mortify", lunga song di circa 10 minuti che nel suo lento avanzare mi ha evocato le ultime cose dei nostrani Ephel Duath, anche se in una versione un po' meno jazz, ma più proiettata verso i lidi della delirante psichedelia degli Oranssi Pazuzu, che già avevo menzionato nella precedente recensione. Quello che mi spinge ad accostare il progetto dei DMM alla band di Davide Tiso, è il sound astrale e disarmonico delle chitarre, alla continua ricerca di un qualcosa di sfuggente anche per l'artista patavino. Il risultato che ne viene fuori, è comunque un qualcosa al di sopra della media, che combina sonorità scevre da ogni sorta di etichetta con influenze e retaggi post, space rock e progressive. Con "Lamb", Lundi si lancia in una propria rilettura del genere estremo in cui questa volta a fondersi nell'intelaiatura, in realtà non più tanto estrema dell'act francese, si ritrovano un pizzico di elettronica e suoni cyber industriali, anche se tuttavia relegati in secondo piano con pazzesche fughe in territori, ai più, sconosciuti. Le vocals si muovono tra il growl, lo screaming e sperimentazioni avantgardiane (simil Arcturus), mentre la musica nella seconda metà del brano, imbocca strade ancor più stralunate, tra il cinematico e l'ambient, abbracciando ancora una volta la follia di Devin Townsend e altre sperimentazioni di un mondo nascosto, che testimoniano l'eccelso lavoro del mago di Tolosa. "Science and Wilderness" chiude il trittico di song spettacolari che costituiscono questa release, che auspico possa trovare quanto prima una distribuzione fisica. Non posso infatti pensare di rimanere senza il cd di 'Viae', un lavoro che mostra anche nella sua terza epica traccia (con qualche eco dei Bathory più ispirati, incredibilmente mescolati con post e non so che), quanto spazio sia ancora disponibile per offrire sonorità inusuali, innovative e all'avanguardia, che possono proiettarci in nuovi mondi tutti da scoprire... Eccellenti! (Francesco Scarci)

(Self - 2014)
Voto: 85

The Hong Kong Sleepover - Bolscevik Firecracker

#PER CHI AMA: Thrash/Hard Rock, Metallica, Motorhead, Anthrax
Se c’è una cosa per cui sono grato a questi quattro ragazzoni di Macomb, Illinois, è di avermi portato a conoscenza della tecnica che dà il nome alla band, della quale pare fosse un appassionato anche il compianto presidente JFK. Lascio ai lettori il gusto di soddisfare la loro curiosità in merito. Per il resto, di novità, dentro il loro terzo album, ce n’è pochina. Se dovessi descrivere la musica degli Hong Kong Sleepover direi che potete immaginarvi una cosa come 'Garage Days Inc.' dei Metallica con Lemmy Kilmister alla voce, il tutto però non così raffinato... Del resto, già una prima occhiata all’artwork (un tuffo negli anni '90, mancavano solo le figurine di Ruben Sosa e del Cobra Tovalieri) è evidente la totale dedizione dei quattro a pochi e semplici principi base, ovvero birra, ragazze, stivali, in tutte le possibili declinazioni (ragazze con stivali, ragazze che bevono birra etc...). Tutto si puó dire fuorchè gli HKS non siano totalmente e completamente onesti. Onesto, infatti, è il termine che mi viene per descrivere queste canzoni senza fronzoli, dai riff serrati e groovy, la ritmica solidissima, le chitarre sature e sporche come si conviene, con gli assoli “giusti” e la voce roca e gorgogliante. In altre parole, un disco di classico, ruvido, metal americano, per di piú orgogliosamente DIY. Onesto, appunto. Disco che si snoda lungo 11 brani né lunghi né corti, né brutti né particolarmente belli, che si lascia ascoltare anche se, man mano che i pezzi sfilano ci si chiede che senso possa avere, dopotutto, un album del genere. E l’illuminazione arriva, inaspettata, al minuto 1:26 della traccia numero 7, “Draw the Line”, quando parte un ritornello che dice, piú o meno cosí: “hey, hey, hey, hey”. La visione che si staglia davanti ai miei occhi è quella di un raduno di bikers con baffi a manubrio, intenti a roteare un pugno in aria al ritmo di questo “hey, hey, hey, hey”, mentre l’altra mano stringe saldamente una bottiglia di Miller Highlife, rivolti verso il palco dove gli Hong Kong Sleepover ci stanno semplicemente, onestamente, dando dentro. Ecco, forse è questa la chiave: se siete biker dell’Illinois, se avete sempre voluto esserlo, o anche solo se ancora oggi vi capita di uscire di casa il sabato sera indossando un gilet di pelle, questo è il disco che fa per voi. (Mauro Catena)

(Self - 2014)
Voto: 65

Godhunter - City of Dust

#FOR FANS OF: Doom/Sludge
This work is highly political, reminiscent of the American protest folk music of the 1960s, such as Bob Dylan and Country Joe and the Fish. The subject matter of "City of Dust" focuses not on general social issues, but rather sharply on issues in the state of Arizona (primarily Tucson), which leads to the conclusion that this is where these guys are from--otherwise, why would they care, unless of course these issues they write about are things which have affected them profoundly and directly? My major complaint with most records in this genre is that they usually omit lyric sheets, leaving it up for the listener to try to and decode the message. I was most impressed in that not only did Godhunter include lyric sheets, but they've provided footnotes as well, that clearly point to the circumstances of inspiration for each piece, and what it's about. Collectively, the footnotes alone add up to a half a page just by themselves. This is a very politically and ecologically aware piece, which to my experience, is not very common subject matter for metal. As I alluded to in my opening, this kind of informed protest has traditionally been the realm of folk music. The included footnotes include several books the listener is recommend to read, to help develop a better understanding of the issues the songs on this release address. Here are the recommendations: "War is a Force That Gives Us Meaning" - CHRIS HEDGES; "Rats in the Walls" - HP LOVECRAFT (short story--also the title of the second song here); "Cadillac Desert" - MARC REISNER; "Hope Dies Last" - STUDS TERKEL; "Blood Orchid" - CHARLES BOWDEN; and "La Calle" - LYDIA R. OTERO. I can see why metal would provide a more emphatic form of protest than acoustic folk. Subtlety this days tends to get lost in the noise of all the TV soundbites and the 24/7/365 news cycle that we’re all immersed in today, that didn't exist in the 1960s. Information traveled a lot slower then, so people responded pretty well to, and actually understood wry sarcasm in music. Less so these days: besides, metal has always been the best musical medium for expressing frustration and anger at things, and this guys have got that going in spades. No posing here: No Venom-like pseudo-glam fake Satanism is used here for the sake of getting publicity. These guys are REAL: they are sincere and committed to their message, and deathly serious about what they have to say. Now enough on the inspiration and on to the music itself (and there's a lot more to be found in the references on the lyric sheets. Make sure that you have them in hand when listening to this). Godhunter gives us a doomy sludge sound worthy of 'Black Sabbath's Volume 4' with a bit of 'Down II' tossed in, a sprinkling of Sleep, and a vocal style which is a cross between that of the lead vocalist of Texas Hippie Coalition and Phil Anselmo. There are 8 tracks on "City of Dust" (subtitled "A Conversation Between Hope and Despair"): (1) "Despite All"; (2) "Rats in the Walls"; (3) "Brushfires"; (4) "Snake Oil Dealers"; (5) "Shooting Down the Sun"; (6) "Palace of Thorn" (yes, that's not a typo - it says "Thorn"--singular--sans "s"--on the lyric sheet); (7) "City of Dust" (the title track), and closing with (8) "Plague Widow". This is real shit these guys are writing about: no dragons, no knights, no cosmic catastrophes, but real-life, close to home issues that this band really cares about. And these are things that they want their listeners to care about, as well. A couple of the songs include spoken introductions. The album opens (in "Despite All") with an excerpt from a speech given by Chris Hedges under foreboding synth swells (see the reference to his book in the recommended reading list cited earlier in this review): "We live now in a nation where doctors destroy health; lawyers destroy justice; universities destroy knowledge; government destroys freedom; press destroys information; religion destroys morals, and our banks destroy the economy." Track 3, "Brushfires" starts with a speech on civil disobedience Howard Zinn gave in 1971 against the Vietnam War: "Learn to disobey. So you police and you FBI, if you want to arrest people who are violating the law, then you shouldn't be here--you should be in Washington! You should go there immediately: and arrest the President and his advisors, on the charge of disturbing the peace of the world." Of note, the pace changes with the fifth track, "Shooting Down the Sun", which is a dark, deeply emotive and soulful acoustic piece with great raw, melodic vocals. It’s very similar in feeling to Black Sabbath's "Planet Caravan" or "Changes", yet imagine Joe Cocker as a metal vocalist in place of Ozzy Osbourne. In short, if you like a mix of doom and groove metal, these guys will pull you right in, and not let you go. But after you’ve given it a few spins just absorbing the feel and the vibe, sit down with the lyric sheet, and explore the deeper meaning of the songs on "City of Dust.” You'll be glad you did. This is true "Metal with Meaning"--and that's not necessarily a bad thing, at least once in a while. (Bob Szekely)

(The Compound/Battleground Records - 2014)
Score: 90

domenica 12 ottobre 2014

Sedna - S/t

#PER CHI AMA: Post Black Sperimentale, Altars of Plagues
Eccoci finalmente alla resa dei conti. I Sedna li seguo da vicino da qualche anno: era infatti la notte di Halloween del 2011 quando li conobbi e ascoltai per la prima volta, in un piccolo locale nel bresciano. Da li a poco recensii il loro EP, li intervistai in radio e da quasi tre anni attendo con ansia il tanto agognato debutto su lunga distanza. Eccomi accontentato. I tre ragazzi di Cesena rilasciano, dopo qualche assestamento di line-up, un 4-tracks costituito da più di 50 minuti di musica cupa e malefica che incarna l'anima dannatamente maledetta del trio romagnolo. Sarà verosimilmente una certa affinità musicale con i defunti Altars of Plagues, o la vena marcatamente diabolica che ristagna nel sound dei nostri, ma il self/titled dei Sedna è un qualcosa che s'imprime nella testa e marchia a fuoco come l'indelebile segno del diavolo. Ma mettiamo un po' d'ordine a tutte queste frasi che introducono 'Sedna'. Dicevamo delle quattro song che costituiscono il cd, che tra l'altro vanta un artwork in bianco e nero squisitamente angosciante. “Sons of the Ocean” apre il disco con i suoi quasi 20 minuti di sonorità tetre e caliginose: sembra infatti il suono di una nave, nelle nebbie di un porto di mare, quelle che si percepiscono nell'incipit della song, prima che le strazianti chitarre di Crisa prendano il sopravvento e ci conducano nella bolgia infernale. Le ritmiche, soffocanti e serrate, corrono veloci, ammantate da un'aura di tormentata malinconia, che sembra trovare pace, almeno per una manciata di secondi, in un break dai vaghi contorni post rock, spezzato dallo screaming efferato del polivalente Crisa. Il ritmo però va lentamente smorzandosi, sprofondando nei meandri assurdi di un cerchio dantesco, probabilmente l'ottavo, dove dimorano maghi e indovini e dove sonorità al limite del drone, fumoso e psichedelico, potrebbero farne da ideale colonna sonora. L'atmosfera è a dir poco spettrale e nel suo irriducibile climax di risalita, la tensione creata è sicuramente di forte inquietudine. L'epilogo acustico ci introduce a “Sons of Isolation”, traccia il cui inizio mi fa pensare a campane che suonano a morte. Potete ben capire lo stato di angoscia persistente che si è instaurata nel mio io, ormai turbato. E dire che non siamo, per lo meno ancora, al cospetto di sonorità depressive-sucidal, ma i giochi di chitarra e basso (a cura della brava Elyza Baphomet), mettono a nudo l'essenza della mia anima, scaraventandomi in un turbinio di ansie e paure, eccitate come elettroni impazziti, dal sound mefitico dei tre, che arriva da li a poco, a toccare il funeral doom, almeno per pochi istanti. Non temete perchè la furia omicida, dettata dal vibrante drumming di Mattia, instaura la sua feroce dittatura, lanciando i nostri in una cavalcata che ondeggia tra il post hardcore teutonico, lo sludge e il black metal cascadiano. Davvero, niente male. Se poi considerate che un incedere marziale (dal flavour leggermente shoegaze) subentra a mischiare le carte in tavola, potrete ben capire la portata di questa esplosiva miscela raggelante. A grandi passi, come quelli inferti dal drummer sul finale del brano, arriviamo alla psicotica traccia “Life_Ritual” in cui compare, in veste di guest, la litanica voce di Stefania Pedretti, meglio conosciuta per le sue performance negli Ovo e nei BTOMIC. L'effetto sul tappetto ambient drone del brano, è come quello di una strega atta a lanciare il suo peggior maleficio. In “Sons of the Ancients”, in aiuto dei nostri arriva Michele Basso (alias Mike B) dei Viscera///. L'incedere è ancora una volta funesto, ossessivo, macabro pur rivelandoci il lato più intimista dei nostri, che ben presto sfocerà in suoni altalenanti e idiosincrasici, sviscerando l'odio dei Sedna attraverso le vetrioliche vocals di Mike e conducendoci nella nona bolgia, quella dei seminatori di discordia. In definitiva, 'Sedna' è ciò che stavo aspettando da tempo dal trio di amici della Romagna, una miscela di corrosivo ed elegante post black sperimentale. Detto questo, vi lascio ai vostri incubi e io torno nel mio loculo per incontrarli, qui all'interno del Pozzo dei Dannati. (Francesco Scarci)

(Drown Within Records/Unquiet Records - 2014)
Voto: 80

https://www.facebook.com/Sedna.O?sk=wall

Acarus Sarcopt – Tarnation

#PER CHI AMA: Death, Asphyx, Morbid Angel, Death
Questa band francese supera i dieci anni di attività e con un curriculum invidiabile per prolificità, approda al nuovo album con uno smalto invidiabile ed una carica tutta da assaporare. Uscito per la Armée de la Mort Records nel 2014, cosi come accadde per il precedente lavoro, il cd è composto da ben quindici tracce di cui due bonus live, per una durata complessiva di circa un'ora di buon selvaggio death metal old school. La band dimostra d'aver classe fin dalle prime note, sputando riff spaccaossa a ripetizione. Il suono è tipicamente death con spunti ricavati dai superclassici Asphyx, Death e Morbid Angel. I brani scivolano veloci e piacevoli, impatto e violenza non declinano l'invito e supportati da un growl perfetto e uno screaming che rimanda ai vecchi fasti black della band, chiudono un cerchio pressochè perfetto. Troviamo tutto al posto giusto, coordinato da una buona produzione che valorizza ogni cosa, innalzando il valore della proposta musicale. Il massacro continua e vede il suo apice nel singolo che accompagna il video e condivide il titolo con l'album ("Tarnation"). Ottimi musicisti per una esecuzione più che perfetta anche se vecchia scuola e magari porterà poche novità ma decisamente un gran bell'album, ragionato e pur nella sua brutalità, ricercato e tanto sofisticato, compatto e pesantissimo, intento a mantenere il legame con le origini del genere e capace di renderlo ancora interessante e vitale. Gli Acarus Sarcopt meritano grande rispetto, conquistato sul campo e questo loro nuovo lavoro li colloca in una realtà metal francese che negli ultimi tempi, in fatto di musiche estreme, non è inferiore a nessuno. Instancabili fanatici del death metal, questo album è per voi!!! (Bob Stoner)

(Armée de la Mort Records - 2014)
Voto: 70

https://www.facebook.com/ACARUS.Official

sabato 11 ottobre 2014

Levities - Dead Bouquet

#PER CHI AMA: Punk
Se il rock non morirà mai, anche il punk sembra non voler mollare. La scena portoghese (Lisbona) si arrichisce di un'altra band e precisamente due ragazzi e due ragazze, i Levities. Nati nel 2011, rilasciano 'Dead Bouquet' all'inizio di quest'anno sotto la Ethereal Sound Works, etichetta indipendente portoghese. Ben quattordici pezzi in puro stile punk, quindi veloci e altrettanto brevi, giusto per omaggiare band come The Stooges e Pixies. I pezzi sono molto simili tra loro, quanche intro potrebbe essere considerata grunge, ma poi suoni e arrangiamenti non lasciano dubbi circa l'indole della band. Il vocalist sfoggia un bel timbro, sufficientemente maturo e poco fastidioso, inoltre si prodiga anche come chitarra solista. Non aspettatevi prodigi iper tecnici, che nel punk sarebbero anche sprecati. La sezione ritmica sostiene il tutto, senza tanti fronzoli e sfruttando le sonorità adatte, il tutto miscelato anche in maniera dignitosa. "Slit My Tongue" e "Metal Chain" si fanno ascoltare, vuoi per qualche richiamo ai primi Nirvana, come il cantato e la rabbia dei riff, secchi e mediosi come andava negli anni '90. "Little do They Know", da cui è stato tratto un discreto video, fa assaporare a pieno le sonorità dei The Stooges, a cui probabilmente i Levities si ispirano maggiormente. Meno di tre minuti che volano via leggeri e senza impegno. Alla resa dei conti 'Dead Bouquet' non è male, musica che potete ascoltare anche senza particolare concentrazione e che vi può accompagnare in macchina, sia che siate nati negli anni '90, sia che li abbiate vissuti da adolescenti. (Michele Montanari)